Statuto dell'«Associazione Amici del Bollettino Storico Piacentino»

approvato il 25 gennaio 1990 e modificato il 12 maggio 2005*

Art. 1 (Denominazione) - è costituita in Piacenza una associazione denominata «Associazione Amici del Bollettino Storico Piacentino»: l'Associazione non ha fine di lucro e non svolge attività commerciale.

Art. 2 (Scopo) - Scopo sociale dell'Associazione è promuovere e sostenere la pubblicazione della rivista «Bollettino Storico Piacentino» e della collana «Biblioteca Storica Piacentina» e svolgere ogni attività culturale, scientifica e promozionale connessa con lo sviluppo degli studi storici locali 1

Art. 3 (Affiliazioni) - L'Associazione potrà con deliberazione assembleare affiliarsi ad altre organizzazioni per il miglior perseguimento dello scopo sociale.

Art. 4 (Soci) - Gli associati si distinguono in soci ordinari e soci affiliati.
Sono soci ordinari le persone fisiche e giuridiche, gli enti e le associazioni la cui ammissione sia stata deliberata dall'Assemblea su proposta del Consiglio direttivo.
Sono soci affiliati le persone fisiche e giuridiche, gli enti e le associazioni che aderendo agli scopi sociali intendano sostenere le attività dell'Associazione versando una somma di denaro a titolo di contributo 2.
II diritto di voto in assemblea spetta esclusivamente ai soci ordinari.

Art. 5 (Cessazione dei soci) - L'appartenenza all'Associazione cessa:

Art. 6 (Organi) - Gli organi dell'Associazione sono:

Art. 7 (L'Assemblea) - L'Assemblea dei soci ordinari è convocata una volta all'anno ed è regolarmente costituita e delibera in base ai quorum dell'art. 21 del Codice Civile.

Spetta all'assemblea dei soci ordinari:

Art. 8 (Il Consiglio direttivo) - II Consiglio direttivo realizza gli obiettivi programmatici posti dall'Assemblea e cura ogni affare corrente. Esso elegge nel suo seno il Segretario-Tesoriere.
Il Consiglio può deliberare in materia di organizzazione dell'Associazione, disponendo la costituzione di commissioni, delegando compiti al Presidente o ad altri consiglieri, acquisendo collaborazioni e consulenze, conferendo incarichi professionali.

Art. 9 (Il Presidente) - II Presidente presiede l'Associazione e la rappresenta di fronte ai terzi e in giudizio. Convoca e presiede l'Assemblea dei soci ed il Consiglio direttivo e ne attua le deliberazioni.

Art. 10 (Il Collegio dei revisori) - II Collegio dei revisori è composto da tre membri eletti ogni triennio dall'Assemblea.
Il Collegio nomina nel proprio seno un presidente.
Il Collegio presenta all'Assemblea la relazione sui bilanci predisposti dal Consiglio direttivo e sulle verifiche di amministrazione effettuate annualmente.

Art. 11 (Patrimonio sociale) - I proventi con i quali l'Associazione provvede alla propria attività sono:

Il bilancio consuntivo riflette l'esercizio sociale che va dal 1° gennaio al 31 dicembre e deve essere presentato dal Consiglio direttivo all'approvazione dell'Assemblea entro quattro mesi dalla fine dell'esercizio. Quanto alla fine di ogni esercizio residui all'attivo viene imputato al fondo sociale.
Il bilancio preventivo è approvato con le stesse modalità entro il 30 aprile di ogni anno.
In caso di scioglimento il patrimonio dell'Associazione sarà devoluto a istituzioni o associazioni che perseguano fini analoghi secondo modalità determinate dall'Assemblea.

Art. 12 (Norma di rinvio) - Per quanto non è previsto dal presente statuto valgono le norme di cui agli artt. 36 e seguenti del Codice Civile e le disposizioni di cui agli artt. 143 e segg. del TUIR 4.

Piacenza, 12 maggio 2005

*In nota si riporta il testo degli articoli nell'originaria redazione del 1990.

(1)
Art. 1 (Denominazione) - è costituita in Piacenza una associazione denominata «Associazione Amici del Bollettino Storico Piacentino»

Art. 2 (Scopo) - Scopo sociale dell'Associazione è pubblicare senza scopo di lucro e non a fini prevalentemente commerciali la rivista «Bollettino Storico Piacentino» e svolgere ogni attività culturale e scientifica connessa con lo sviluppo degli studi storici locali.

(2)
Sono soci affiliati le persone fisiche e giuridiche, gli enti e le associazioni che aderendo agli scopi sociali intendano sostenerne le attività versando una somma di denaro a titolo di contributo.

(3)
Art. 11 (Patrimonio sociale) - I proventi con i quali l'Associazione provvede alla propria attività sono:

  • le quote dei soci;
  • i ricavi delle attività permanenti o occasionali;
  • i finanziamenti di enti pubblici o privati a titolo di contributo alle attività dell'Associazione.

(4)
Art. 12 (Norma di rinvio) - Per quanto non è previsto dal presente statuto valgono le norme di cui agli artt. 36 e seguenti del Codice Civile.